Creatività senza confini CategoriesEducazione creativa

Creatività senza confini

I bambini, si sa, hanno parametri di giudizio ben differenti da quelli degli adulti. Per esempio, una spiaggia per noi paradisiaca ai loro occhi può apparire insignificante. Oppure, la tranquillità della campagna che noi riteniamo rilassante per loro è solamente monotona. Come riuscire allora a coinvolgerli e divertirli anche senza giochi, Tv, tablet e altre attività precostituite? Diario Creativo ha selezionato alcune semplici  idee per stimolare la fantasia dei vostri figli partendo dall’osservazione di ciò che li circonda. Perché la creatività non ha confini e ogni luogo può offrire un’infinità di spunti interessanti, basta saperli cogliere!

1. Al mare, disegnare con le conchiglie

Lo sapevate che con le conchiglie si possono creare vere e proprie opere d’arte? Basta infatti passeggiare sulla spiaggia per trovare tantissime varietà di forma, dimensioni e colore e dare così vita a disegni di grande effetto.  Potreste per esempio prendere spunto da questa immagine e sbizzarrirvi a dipingere le conchiglie come più vi suggerisce il vostro estro: otterrete colorati ferma carte o graziosi souvenir da regalare agli affetti più cari come ricordo delle vostre vacanze.

disegnare-conchiglie

Oppure, potrete sfidare i vostri figli a una piccola gara a chi trova le conchiglie più strane e poi cimentarvi tutti insieme nella realizzazione dei vostri piccoli capolavori: potrete scatenare la creatività direttamente sulla spiaggia e poi, perché no, portare con voi le conchiglie, per completare il disegno a casa.

In alternativa, sulle spiagge ghiaiose, potrete divertirvi a raccogliere tanti sassolini colorati: l’effetto sarà ugualmente fantasioso! Ecco qualche esempio selezionato dal web:

Un faro solitario

faro-solitario

Tante simpatiche orme

simpatiche-orme

Un fantasioso bouquet di fiori

fantasioso-bouquet-di-fiori

2. Giocare con i rumori della campagna

Se i vostri figli pensano che la campagna sia noiosa, proponetegli questi facili giochi: scopriranno tante sorprese!

I colori dei rumori

Di che colore è il vento?

E il gracidio delle rane?

E l’acqua del ruscello?

E il silenzio?

Provate a stupire i vostri figli con queste strane domande e invitateli a cercare un colore per ciascuno dei rumori che possono ascoltare attorno a sé. Potranno spaziare, non solo suoni della natura, ma anche rumori come il movimento del trattore o della motosega, per esempio.

Poi potreste continuare il gioco associando ciascun rumore emozioni che suscitano:

Quali sono i rumori che vi piacciono di più?

Quali quelli che fanno paura?

Quali quelli più fastidiosi?

Invitate infine i vostri figli a elencare i suoni, suddividendoli in categorie:

suoni solenni, strani, terribili, piacevoli, allegri, noiosi, caldi, accoglienti, ecc…

Dipingere i rumori

  • Uscite per una passeggiata all’aria aperta e portate fogli, pennarelli o matite colorate per i vostri.
  • Di volta in volta potreste far notare i vari rumori, invitando i ragazzi ad ascoltarli con attenzione.
  • Poi, una volta trovato il luogo adatto per una sosta, chiedete ai bambini di rappresentare il rumore che più li ha colpiti, senza però rivelare quale sia.
  • Invitateli quindi a cercare di indovinare tutti insieme i rumori scelti dai compagni, partendo dal disegno.

Lo scopo di questi 2 giochi è di stabilire associazioni fra i suoni conosciuti e le emozioni, per arrivare a un utilizzo espressivo e non figurativo del colore.

3. Creare un catalogo colorato delle foglie di montagna

I vostri figli si lamentano per le lunghe escursioni in montagna?  Ecco un’attività che farà avvertire meno la fatica della camminata:

  • invitate i ragazzi a raccogliere le foglie lungo il sentiero, cercando varietà sempre diverse e provando a identificare l’albero di provenienza (che annoterete su un foglio);
  • arrivati a casa, fate seccare le foglie per un paio di giorni sotto a dei libri;
  • nel frattempo procuratevi un quaderno o un’agenda e foderate la copertina con carta da pacco bianca, in modo che i vostri figli possano scatenare la creatività a personalizzarla come preferiscono;
  • una volta che le foglie si saranno appiattite invitate i bambini ad incollarle alle varie pagine del quaderno, specificando per ognuna il nome dell’albero da cui proviene;
  • con i ragazzi più grandi potrete inoltre fare una piccola ricerca per arricchire il catalogo con notizie scientifiche e curiosità sui diversi tipi di pianta.

Queste naturalmente sono solo alcune delle attività che poterete fare insieme ai vostri figli durante le vacanze: nelle prossime settimane Diario Creativo vi regalerà tanti altri spunti!